Scheda del Corso

Scienze e Tecnologie Agrarie

  • Classe di Laurea: LM-69 Scienze e tecnologie agrarie
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Agraria
  • Scuola: Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
  • Dipartimento: Dipartimento di Agraria
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello
  • Coordinatore: Prof. Domenico CARPUTO
  • Sito Web: www.agraria.unina.it/didattica/corsi-di-laurea/lauree-magistrali/scienze-e-tecnologie-agrarie/
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Agraria
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede: Via Università 100 - 80055 - Portici - Napoli
    • Telefono: 081 2539145
    • e-mail: agraria.orienta@unina.it
    • Referente: sig. Patrizio Di Lorenzo
  • Obiettivi specifici:

    Gli obiettivi formativi specifici del Corso sono quelli di fornire conoscenze e formare abilità tecniche e professionali adeguate a poter operare nel territorio agrario e dove si svolge la produzione delle materie prime agrarie. Il Corso prevede un'ampia parte comune che consolida e approfondisce le conoscenze sulla politica agraria, le costruzioni e la meccanica agraria, il miglioramento genetico, l'arboricoltura, la metodologia statistica e le industrie agrarie. Successivamente, al II anno, il Corso si articola in due curricula. Il primo curriculum è finalizzato all'acquisizione di conoscenze specifiche che forniscono una più dettagliata preparazione nel settore dell'agricoltura sostenibile relativamente alla difesa delle colture, alla gestione della fertilità microbiologica e delle malerbe, alla produzione sementiera e zootecnica. Il secondo curriculum permette di approfondire conoscenze specifiche relative all'organizzazione tecnico-gestionale dell'azienda agraria e delle agrotecniche utilizzate. Nell'ultima fase, il percorso prevede attività formative a scelta libera e di tirocinio e lo svolgimento di una tesi sperimentale. Il percorso formativo prevede differenti aree di apprendimento: - Area della produzione agraria: consente l'acquisizione delle conoscenze necessarie a valutare e a migliorare le produzioni e le tecniche di produzione sostenibile di materie prime agrarie destinate all'uomo e agli allevamenti animali. Le aree di apprendimento sono quelle delle colture arboree e delle colture protette, della malerbologia, delle produzioni animali; -Area del miglioramento genetico: consente l'acquisizione delle conoscenze relative alle metodologie genetiche e genomiche per l'ampliamento della variabilità genetica, per la selezione di nuove varietà, per la produzione di sementi e per la certificazione; - Area dell'economia e delle metodologie computazionali: consente l'acquisizione delle conoscenze relative all'economia agro-industriale e ambientale all'analisi dei dati e dei risultati della ricerca; -Area delle industrie agrarie: consente l'acquisizione delle conoscenze sulla produzione e sul controllo della materia prima e dei prodotti finiti nel settore lattiero-caseario, enologico ed oleario; - Area dell'ingegneria agraria: consente l'acquisizione delle conoscenze per la comprensione del funzionamento delle macchine agricole e della meccanica di precisione; per la progettazione e la composizione dei fabbricati agricoli, per il rilievo e la rappresentazione del territorio; per progettare e gestire impianti irrigui su scala aziendale; - Area della difesa delle colture: consente l'acquisizione delle conoscenze sulle strategie di lotta biologica e integrata ai principali patogeni e insetti dannosi. - Area della fertilità e conservazione del suolo: consente l'acquisizione delle conoscenze sulla fertilità microbiologica e sulla fertilizzazione bio-organica per l'ottimizzazione della gestione sostenibile dei sistemi produttivi erbacei e arborei. - Area delle altre attività formative: consente l'acquisizione di conoscenze relative all'utilizzazione, in forma scritta e orale, di un livello avanzato di almeno una lingua dell'Unione Europea, di norma l'inglese; di conoscenze e competenze per l'accompagnamento al mondo del lavoro.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie completa la formazione del laureato in Scienze agrarie, forestali e ambientali (o titolo equipollente in termini di obiettivi formativi). Il corso è finalizzato alla formazione di una figura professionale coinvolta in tutte le attività produttive, di ricerca e di controllo che riguardano la coltivazione, la trasformazione, l'utilizzazione e la valorizzazione dei prodotti dell'agricoltura e della zootecnia, nonché, la relativa commercializzazione e la gestione di imprese agricole e di tutte le attività correlate all'agricoltura sia in ambito pubblico che privato, sia nei servizi sia nell'ambiente produttivo. Il percorso formativo prevede attività volte a consolidare la preparazione culturale di base con discipline strettamente orientate all'attività professionale, fornendo inoltre una buona padronanza del metodo scientifico. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie afferisce alla Classe LM 69, si svolge in due anni e il piano di studio prevede: 9 esami di profitto per un totale di 81 CFU. I restanti 39 CFU sono ripartiti tra: esami a scelta dello studente (15 CFU), altre attività (4 CFU) e la prova finale (20 CFU).

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Gli studenti che intendono iscriversi al Corso di laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie devono essere in possesso della Laurea, ivi compresa quella conseguita secondo l'ordinamento previgente al D.M. 509/1999, o del diploma universitario di durata triennale o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo. Per l'ammissione al Corso di laurea sono richiesti inoltre specifici requisiti curriculari e un'adeguata personale preparazione dello studente. I requisiti curriculari richiesti sono: aver conseguito la laurea nella classe L-25 o L-20 presso qualsiasi sede universitaria o aver maturato nella precedente carriera un numero minimo di CFU nei seguenti Settori Scientifico-Disciplinari: MAT/01-09, CHIM/03, CHIM/06, BIO/01 – 05, AGR/01-20. Per ulteriori dettagli si rimanda al Regolamento didattico del Corso di Studi. A discrezione della Commissione giudicatrice, potranno essere considerati utili corsi erogati nell'ambito di SSD ritenuti affini. Il possesso dei requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione ai fini dell'ammissione vengono accertati mediante esame della carriera universitaria del laureato e/o colloquio. Nel caso in cui lo studente non sia in possesso dei requisiti curriculari minimi, dovrà prima acquisire i CFU mancanti attraverso il superamento di specifici esami indicati dalla Commissione giudicatrice. Per quanto riguarda la conoscenza di un'altra lingua dell'UE (di norma l'inglese) si richiede una conoscenza di livello pari almeno al B1.

  • Orientamento in ingresso:

    A livello di Dipartimento l'Ufficio Dipartimentale per la Didattica fornisce un servizio Orientamento in ingresso (Coordinamento Prof. D. Carputo, contatto Sig. P. Di Lorenzo) così articolato: 1. organizzazione di visite da parte delle scuole richiedenti finalizzate alla descrizione dell'offerta formativa dei vari CdS, visite guidata delle strutture dipartimentali, attività seminariali. (http://www.agraria.unina.it/orientamento/orientamento-in-ingresso). La presentazione dell'offerta formativa e la visita guidata delle strutture del dipartimento viene offerta anche a singoli studenti che ne fanno richiesta. A partire da novembre 2018 fino a maggio 2019, sono state ospitate circa 40 scuole Superiori con numero di partecipanti pari a 980 alunni e 40 studenti hanno partecipato in maniera autonoma alle attività di orientamento previo appuntamento. 2. Progetto Accoglienza: prima dell'inizio delle attività didattica, alla fine di settembre, è organizzata una giornata in cui il Direttore, il personale del Dipartimento, i rappresentanti degli studenti e delle associazioni studentesche accolgono i neo iscritti presentando l'organizzazione dei corsi e le strutture dipartimentali; nella stessa giornata i neo iscritti effettuano la visita guidata alle strutture del dipartimento e ricevono materiale illustrativo sui corsi di studio di cui al punto successivo, sull'assistenza allo studio e sui corsi di lingua straniera. Il programma dettagliato viene pubblicizzato sul sito del Dipartimento di Agraria, nella sezione Orientagraria. 3. Progettazione e pubblicazione di locandine informative sull'offerta formativa e sul programma della settimana dell'accoglienza, filmato lip-dup girato dagli studenti del Dipartimento, progettazione grafica e stampa di due miniguide, "Costruisci il tuo futuro " e "Agraria in tasca". Il corso di studio, oltre ad avere una pagina web nella quale sono reperibili le informazioni aggiornate relative alle modalità di accesso, ai calendari e ai piani didattici, fornisce attività di orientamento ai potenziali interessati attraverso l'Ufficio Dipartimentale per la didattica, il Coordinatore e i tutor del CdS. Inoltre, i progetti di Alternanza Scuola-Lavoro permettono agli studenti delle Scuole superiori, i quali vengono inseriti per un breve periodo di tempo in un contesto universitario, di autovalutare la propria preparazione e di prendere un primo contatto con la vita universitaria sia nella sua componente didattica che in quella di ricerca. In allegato le convenzioni stipulate dal Dipartimento per l'a.a. 2018-2019. 4. Aggiornamento della pagina web del Dipartimento, sezione Orientagraria, con inserimento di un documento in pdf che sintetizza il profilo formativo, le competenze acquisite e gli sbocchi occupazionali. L'attività di orientamento in ingresso per il 2018 ha visto la partecipazione ad iniziative organizzate dall'Ateneo, Centro di Ateneo per l'Orientamento, la Formazione e la Teledidattica (informazioni specifiche sono consultabili presso il link https://www.unina.it/didattica/servizi/orientamento). Tra le iniziative svolte sono da segnalare: - Open Day 2018, evento organizzato nelle strutture del Complesso di Monte Sant'Angelo e che ha visto la partecipazione di oltre 1.200 studenti della scuola secondaria di secondo grado e di molti loro docenti. Nel corso della manifestazione sono stati illustrati il percorso formativo del Corso di Laurea e i possibili sbocchi occupazionali, e sono stati organizzati laboratori didattici interattivi su alcune discipline caratterizzanti il Corso stesso. - Salone dello studente 2018 , Partecipazione e invito al workshop con gli sudenti . - Adesione al progetto "La prima lezione di", proposto dal Centro di Ateneo e l'associazione studentesca AESEF (Associazione Europea Studente &Friends). - Salone Internazionale dei Giovani, 1 e 2 marzo 2018, presso la Stazione Marittima di Napoli. - UNIVExpo 2018, 11 e 12 ottobre 2018. - ORIENTASUD 2018, 6 - 8 Novembre presso la Mostra d'Oltremare di Napoli. - TUTTO PIZZA EXPO 20 - 22 MAGGIO 2019 . Stand istituzionale con partecipazione a seminari da parte di Docenti del Dipartimento. In tutti gli eventi il Dipartimento ha partecipato con il proprio stand istituzionale e con interventi multimediali finalizzati a presentare l'offerta formativa. Di norma sono intervenuti docenti del Dipartimento, personale dell'Ufficio dipartimentale per la didattica e studenti part-time afferenti al Dipartimento.

  • Prova finale:

    Lo studente è ammesso a sostenere la prova finale dopo aver superato tutte le verifiche delle attività formative previste dal piano di studio e aver acquisito i relativi crediti. L'argomento e le attività previste per la prova finale sono concordati con il docente relatore, ma sono svolte autonomamente dallo studente. Il relatore può indicare al laureando un eventuale correlatore interno o esterno. La prova finale prevede la stesura di un elaborato (Tesi di Laurea Magistrale), scritto anche in lingua inglese, che consiste in una dettagliata analisi bibliografica e sperimentale su di un argomento attinente a quelli trattati nel corso di studio e/o nel tirocinio. La consegna della tesi avviene secondo le modalità indicate dalla Segreteria studenti del Dipartimento (pubblicate sul sito di Dipartimento). La consegna della tesi costituisce un prerequisito obbligatorio per la discussione finale. La prova finale prevede la presentazione dell'elaborato, in seduta pubblica, ad una Commissione di Prova finale composta da almeno cinque membri, fino ad un massimo di undici. Lo studente dovrà dimostrare autonomia, acquisizione di specifiche competenze scientifiche e capacità di elaborazione critica. Il superamento della prova finale attribuisce i relativi CFU e l'attribuzione del titolo stabiliti dall'ordinamento degli studi. Per ulteriori dettagli sulla prova finale si rimanda al Regolamento didattico del Corso di Studi.

  • Servizi Aggiuntivi:

Elenco insegnamenti

Orario lezioni

Calendario esami

Calendario sedute di laurea