Corso di studio in breve - BIAAGRA

 

Il Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Agro-Ambientali e Alimentari (BIAAGRA) è un corso di nuova istituzione che afferisce alla Classe  LM 7. Il corso magistrale si svolge in due anni e il piano di studio prevede:

9 esami di profitto per un totale di 75 CFU. I restanti 35 CFU sono ripartiti tra: esami a scelta dello studente (15 CFU),  altre attività (2 CFU) e la prova finale (28 CFU).

La Commissione per il Coordinamento didattico (Coordinatore Prof. ssa Maria Antonietta Rao) ogni anno accademico proporrà agli studenti un pacchetto di esami da 9 e 6 CFU coerente al piano di studi da cui lo studente potrà effettuare la scelta per l'acquisizione dei 15 CFU, fermo restando la libertà di scelta dello studente ai sensi dell'art. 10, comma 5, lettera a del DM 270/2004.

L'esame di profitto può consistere in: verifica mediante questionario/esercizio numerico; relazione scritta; relazione sulle attività svolte in laboratorio; colloqui; verifiche di tipo automatico in aula informatica.

Al termine di ogni periodo didattico, lo studente è valutato sulla base dell'esito dell'esame. Tutti gli esami si concludono con votazioni in trentesimi.

L'iscrizione al secondo anno è consentita a condizione che lo studente abbia superato almeno 20 CFU fra quelli previsti per il primo anno del Corso di Laurea Magistrale.

La laurea Magistrale in Biotecnologie Agro-ambientali e alimentari si consegue dopo il superamento di una prova finale che prevede la discussione di una tesi scritta, redatta in modo originale dallo studente e sotto la guida di uno o più relatori, che dimostri la capacità di collegamento dei diversi saperi appresi nell'arco del Corso di Laurea Magistrale, nonché le capacità comunicative e di trasferimento delle conoscenze. Lo studente effettua la scelta dell'argomenti di tesi e del/dei relatore/i nel primo semestre del primo anno.

Gli obiettivi formativi specifici del Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Agro-ambientali e Alimentari  sono finalizzati alla formazione di una figura professionale con conoscenze e competenze sulle  più recenti acquisizioni della ricerca genomica e molecolare necessarie per lo sviluppo e l'impiego di innovazioni per gli organismi di interesse agrario ed agroindustriale, sia procarioti sia eucarioti, anche finalizzate ad incrementare la competitività industriale delle produzioni agroalimentari italiane curando le problematiche ambientali. I Laureati Magistrali potranno accedere agli esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio delle professioni di Agronomo e Biologo.

Il percorso formativo prevede attività volte a fornire:

- una buona padronanza sulla gestione di piattaforme tecnologiche per  la genomica strutturale e funzionale e la bioinformatica;

- l'acquisizione di conoscenze e capacità sullo sviluppo e l'utilizzazione di innovazioni biotecnologiche per la difesa delle colture agrarie dagli insetti dannosi e dalle malattie;  

- l'acquisizione di conoscenze per l'applicazione di biotecnologie avanzate per la selezione e l'ottenimento di nuovi genotipi di organismi di interesse agrario per le produzioni alimentari ed agro-industriali;

- all'acquisizione di conoscenze e capacità sulla gestione di  piattaforme microbiologiche e di nano-biotecnologie per gli alimenti;

- all'acquisizione di conoscenze e capacità attinenti l'ottimizzazione di processi biotecnologici per il monitoraggio ed il risanamento ambientale;

- all'acquisizione di conoscenze e capacità attinenti lo sviluppo di applicazioni biotecnologiche dei processi di trasformazione degli alimenti;

- all'acquisizione di conoscenze dell'economia dell'industria agrobiotecnologica.

Il percorso formativo prevede inoltre lo svolgimento di un congruo numero di CFU dedicato alle attività pratiche di laboratorio e sperimentali.