Corso di studio in breve - TAL


Il Corso di Laurea in Tecnologie Alimentari (TAL) afferisce alla Classe L26, si svolge in tre anni e il piano di studio prevede:

16 esami di profitto per un totale di 147 CFU. I restanti 33 CFU sono ripartiti tra: esami a scelta dello studente (15 CFU) e altre attività, quali la lingua straniera (7 CFU), l'informatica (7CFU) e la prova finale (4 CFU). 

La Commissione per il Coordinamento didattico (Coordinatore Prof. Silvana Cavella) ogni anno accademico proporrà agli studenti un pacchetto di esami da 9 e 6 CFU coerente al piano di studi da cui lo studente potrà effettuare la scelta per l'acquisizione dei 15 CFU, fermo restando la libertà di scelta dello studente ai sensi dell'art. 10, comma 5, lettera a del DM 270/2004.

L'esame di profitto può consistere in: verifica mediante questionario/esercizio numerico; relazione scritta; relazione sulle attività svolte in laboratorio; colloqui; verifiche di tipo automatico in aula informatica.

Al termine di ogni periodo didattico, lo studente è valutato sulla base dell'esito dell'esame. Tutti gli esami si concludono con votazioni in trentesimi.

Per le prove di informatica e lingua è previsto un giudizio di idoneità.

L'iscrizione al secondo anno è consentita a condizione che lo studente abbia superato almeno tre esami di profitto fra quelli previsti per il primo anno del Corso di Laurea. L'iscrizione al terzo anno è consentita a condizione che lo studente abbia superato almeno quattro esami di profitto fra quelli previsti per il primo anno ed almeno tre esami di profitto fra quelli previsti per il secondo anno del Corso di Laurea.

Il regolamento didattico in vigore prevede propedeuticità.

La laurea in Tecnologie Alimentari si consegue dopo il superamento di una prova finale consistente in un colloquio orale teso ad accertare la maturità raggiunta dal candidato.

Il Corso di Laurea in Tecnologie Alimentari ha come obiettivo formativo prioritario quello di assicurare agli studenti un'adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali, al fine di garantire una preparazione di base idonea al prosieguo degli studi nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari e CLM equipollenti in termini di obiettivi formativi. Il percorso di studio prevede altresì attività formative rivolte all'acquisizione di specifiche conoscenze professionali che consentono un adeguato inserimento nel mondo del lavoro, in particolare nel sistema alimentare inteso come parte di un ambito industriale produttivo. 
Coerentemente con le priorità individuate, il percorso formativo prevede un congruo numero di CFU (circa 1/3 del totale) dedicati all'apprendimento di conoscenze di base riconducibili agli ambiti della matematica, fisica, chimica, biologia e biochimica.   
Il percorso prosegue con attività formative dedicate all'apprendimento di conoscenze relative a:

  • materie prime, sia di origine animale che vegetale, utilizzate nella trasformazione degli alimenti;
  • elementi economico-giuridici della produzione e trasformazione dei prodotti alimentari;
  • tecnologie alimentari;
  • biologia dei microrganismi e di microbiologia applicata agli alimenti;
  • chimica applicata all'analisi degli alimenti;
  • igiene e nutrizione;
  • macchine e impianti utilizzati nei processi industriali di trasformazione degli alimenti.

 

Infine, il percorso formativo prevede attività volte all'acquisizione di conoscenze relative all'utilizzazione, in forma scritta e orale, di almeno una lingua dell'Unione Europea, di norma l'inglese, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali e di elementi di informatica.